Archive for November, 2005

::Citta' diffusa Citta' a perdere Vol.2

Saturday, November 5th, 2005

Lo “sprawl” arriva a Parma. Conferenza venerdì 4 novembre alla Fiaccadori

Come preannunciato nell’evento inaugurale del 28 maggio scorso, l’associazione culturale Le città invisibili organizza il prossimo 4 novembre, alle ore 17, presso la libreria Fiaccadori, un incontro tenuto da docenti dello IUAV di Venezia e dell’Università di Firenze.

Il fenomeno analizzato è l’invasione del territorio circostante le città, dove si sparpagliano piccoli e grandi insediamenti, centri commerciali, villette, outlet e multisala.

La parola spesso usata è sprawl, che in inglese significa, più o meno, sdraiarsi in modo scomposto.

E sarà proprio il prof. Francesco Indovina, tra i primi in Italia ad individuare il fenomeno, ad illustrarlo il 4 novembre.

E’ questa forma scompigliata che vanno assumendo le città, distendendosi sui territori che le circondano, invadendoli, sparpagliandovi piccoli e grandi insediamenti, per la maggior parte residenziali, oppure destinati al commercio o al divertimento o a tutte queste cose insieme. La trasformazione è in atto da vari decenni. Sul fatto che la città sta perdendo la sua immagine di struttura compatta concordano urbanisti, come Indovina, e sociologi, come il prof. Elio Satti, anch’egli relatore alla Fiaccadori. Gli studiosi si dividono semmai sul giudizio: è un fenomeno incontenibile oppure vi si può porre rimedio?

Migliora la vita di una città e dei suoi abitanti oppure ne accentua l’affanno?

E cosa ne è delle campagne, verranno urbanizzate e distrutte? E dei paesaggi?

Quali i costi sociali?

Questi dunque i temi, non solo per specialisti, che saranno trattati durante l’incontro, patrocinato dalla Provincia di Parma, al termine del quale vi sarà lo spazio per domande e approfondimenti.
Ma la sfida degli “Invisibili” è anche quella di proporre spunti letterari che accompagnino e stimolino la riflessione.